Calcio femminile in Italia: a che punto siamo?

“Il calcio è una cosa seria e le donne non hanno nulla a che vederci”.

Così commentava negli anni ’60 Jack Charlton. È passato più di mezzo secolo ma in Italia la situazione non è cambiata. Oggi, infatti, il calcio femminile italiano rimane tabù per molti. Nato nel 1986, ha trovato da subito ostacoli che non gli hanno permesso di decollare né di guadagnarsi l’ampia fetta di mercato che glispetta.

melania-gabbiadini-612660

Ma quali sono i problemi legati a questa emarginazione del calcio femminile italiano?

Sicuramente, in una paese che va matto per il calcio, uno dei limiti maggiori è legato all’idea diffusa che le donne non siano in grado di giocare a un livello accettabile, giungendo alla conclusione che il calcio femminile non possa essere definito “vero calcio”.

A porre limiti nel calcio femminile italiano concorrono anche:

  • La poca visibilità che il calcio femminile ottiene nel nostro paese. Questo non consente, né a società né a sponsor, di investire per la realizzazione di progetti.
  • La scarsa visibilità da parte dei media: non esistono accordi con le televisioni e le partite non sono trasmesse da nessuno, fatta eccezione per qualche caso isolato.
  • La mancanza di progettualità da parte della Federcalcio e della Lega Nazionale Dilettanti che possa far intravedere margini di crescita.

Il più grande problema del calcio femminile italiano è legato alla condizione di “torneo dilettantistico”. Non esiste una federazione autonoma: tutto il torneo femminile è gestito da una piccola branca della Lega Nazionale Dilettanti maschile. La situazione, di estremo disagio, diventa ancora più aggrovigliata se si pensa che la Nazionale Femminile Italiana è considerata la quattordicesima Nazionale Femminile al mondo per la bravura delle calciatrici che invece si ritrovano a vedere il proprio talento sprecato in carriere mortificanti.

 

A complicare il quadro lo scarso numero di tesserate

Sono solo 20mila le tesserate italiane: il numero di atlete e società professionistiche è proporzionale al budget della Lega. In questo quadro, già di per se sconfortante, negli ultimi anni si è assistito a un forte calo del numero delle tesserate del calcio femminile, diretta conseguenza delle sempre maggiori difficoltà economico-finanziarie dei club italiani.

L’esperimento della ACF Fiorentina

Una boccata d’aria a questa situazione demoralizzante la regala la ACF Fiorentina che nel 2015 fonda la squadra femminile, Fiorentina Women. Anche se ancora un esperimento, poiché condivide il campo di allenamento con le squadre giovanili giocando le partite in piccoli campi di periferia, la squadra della Fiorentina ha a disposizione allenatori e preparatori all’altezza dei campionati maschili. Non si tratta più di un’organizzazione dilettantistica in cui allenatori o giocatrici si devono preoccupare di portare il materiale tecnico al campo di allenamento

Pareri in merito alla questione

Ad esprimersi sulla situazione del calcio femminile italiano sono stati l’allora presidente della Lega Nazionale Dilettanti (LDN) Felice Belloni che nel 2015, nel corso di un dibattito sui possibili finanziamenti al calcio femminile, proveniente da quello professionistico maschile, esordì dicendo: <<Basta! Non si può sempre parlare di dare soldi a queste quattro lesbiche>>. Subito sfiduciato all’unanimità da tutta la LDN lasciò l’incarico dopo pochi giorni.

A confermare che in Italia sono ancora forti i pregiudizi sul calcio femminile nel 2014 lasciò poca speranza di fraintendimento Carlo Tavecchio, attuale presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC) , in quel periodo presidente della Lega Nazionale Dilettanti (LND):  <<Si pensava che le donne fossero handicappate rispetto al maschio, ma abbiamo riscontrato che sono molto simili>>.

Chiara Comenducci

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...